La Rocca di Ceserana e dintorni | Alle Origini della Garfagnana EP.2

Dopo il grande successo della prima puntata ecco l’episodio dedicato alla Rocca di Ceserana nel comune di Fosciandora

A una settimana di distanza sono 10.000 le visualizzazioni raccolte dal primo video della serie “Alle Origini della Garfagnana”; un grande successo per il nostro team, che ripaga dell’impegno prodigato per la realizzazione di questo format. Format che cerca di mettere in risalto luoghi dove storia e leggenda si incontrano e che fanno parte dell’offerta turistica che la Garfagnana ha da offrire.

Piccolo posto, grande storia

Insieme a Virginia Fabbri, guida escursionistica, stavolta siamo nel comune di Fosciandora, per vedere da vicino una delle fortificazioni più note di tutto il territorio, la Rocca di Ceserana. Una struttura antichissima se si pensa che la chiesa protetta all’interno della cinta muraria viene citata per la prima volta in una bolla papale del 1168. Per molto tempo sotto il controllo degli Estensi, ha sempre avuto bisogno di un sistema difensivo capace di contrastare gli attacchi mossi dai vari incursori.

Proprio per questo nella seconda metà del Quattrocento ebbe luogo la ristrutturazione, anche per garantire la resistenza delle originarie mura alla potenza di fuoco delle armi di quel tempo. Non solo, questo posto è stato anche la base di bande di briganti che la usavano per le incursioni nei territori vicini. Nel XVII secolo fu di nuovo restaurata e vennero edificati torrioni semicircolari che ancora oggi si possono toccare con mano. Infine, nel 1983 il Comune di Fosciandora acquistò il forte apportando i lavori che lo fanno apparire come è oggi.

Non solo Ceserana

Su questa sponda del serchio c’è più di un’attrazione per cui vale la pena fare un giro. Anche tutti gli altri borghi di questo comune (Lupinaia, Treppignana, Fosciandora e Lupinaia per fare un esempio) sono tutti abitati molto rustici e caratteristici di questo territorio, con custruzioni in pietra, chiese e campanili e piccole vie che si snodano tra le case. In autunno ci sono appuntamenti da non perdere assolutamente come la festa del vino a Riana (ottobre) o la festa della castagna a Lupinaia (novembre).

Si tratta di una zona perfetta anche per praticare svariate attività, come trekking e MTB, grazie alle numerose vie e sentieri che si snodano tra i boschi di questa zona e un’altra località da non mancare è quella delle Prade Garfagnine, un altopiano erboso situato al confine con l’Emilia, che regala una vista splendida e tanto spazio anche passeggiate a cavallo. Sul nostro sito trovate tutti gli spunti per programmare la vostra vacanza in Garfagnana, a noi non resta che augurarvi buona visione.

Related Post
Leave a Comment
Recent Posts